SABATO , 21 ottobre 2017
Flash News 24
Flash
EDILIZIA PUBBLICA O PRIVATA?
Villaricca. Autocostruzione: spunta un muro 'abusivo'
Nel mirino dell'opposizione i lavori del parco al Corso Italia Realizzata una struttura in cemento armato non prevista
di Aniello Di Nardo
Villaricca. Il muro finito nel mirino dell'opposizione

VILLARICCA. Stanno per giungere al termine i lavori del parco realizzato sul Corso Italia, ad angolo con la traversa che conduce all'isola ecologica, con il cosiddetto “Piano di Autocostruzione”, ma è da qualche giorno che la realizzazione di un muro in cemento, alto circa un metro e lungo una decina di metri, infiamma il panorama politico. I consiglieri di minoranza hanno denunciato, anche alle autorità competenti, la realizzazione del muro in una zona dove dovrebbe sorgere un'area verde da destinare ad uso pubblico. All'atto della stipula della convenzione tra il Comune di Villaricca e la Cooperativa “Il Sogno” che ha in gestione il progetto, fu stabilito che il terreno di circa 300 metri quadri, sul fronte strada di Corso Italia, sarebbe diventato un piccolo giardino attrezzato, con un parcheggio annesso, il tutto ad uso pubblico, ma a sorpresa invece è spuntato il muro di cemento che non era non previsto nel progetto originale. I consiglieri di minoranza Francesco Maisto, Tobia Tirozzi, Rocco Ciccarelli, Francesco Guarino, Giuseppe Coscione e Luigi Sarrancino, si sono rivolti prima al comando della polizia municipale e poi ai carabinieri per denunciare quello che ritengono essere “un abuso edilizio” a tutti gli effetti. Dal canto suo, la cooperativa “Il Sogno” si è difesa affermando che «l'area non è ancora stata ceduta al Comune ed è quindi di proprietà privata. Quella dei partiti di opposizione - hanno poi aggiunto - è solo una fuga in avanti che ha il sapore della strumentalizzazione politica. Al termine dei lavori – proseguono -, quando la cooperativa e il Comune firmeranno l'atto finale, consegneremo l'area attrezzata a verde pubblico così come stabilito». Ma i consiglieri di maggioranza insistono affermando che «non era necessario costruire un muro in cemento armato, tra l'altro abusivo, su un'area destinata ad uso pubblico. Ricordiamo – affermano gli esponenti dell'opposizione – che il progetto di Autocostruzione è stato realizzato con il beneplacito dell'amministrazione comunale, con i voti della stessa minoranza e con un cospicuo interesse pubblico, fatto di agevolazioni e sconti su oneri di urbanizzazione. Quel muro non rappresenta niente, se non l'arroganza di chi intende prevaricare gli interessi della collettività, alla stregua di un privato cittadino che commette un abuso per poi rimediare con una SCIA in sanatoria. Quel muro – concludono i consiglieri comunali – offende i cittadini di Villaricca e va abbattuto immediatamente».



18/09/2014
Inserisci un commento utilizzando l'account di InterNapoli.it
Nome Utente
Password
 
 
Più Letti

Dal 2000 è il primo quotidiano on-line dell'area nord di Napoli, fondato da Aniello Di Nardo
a cura di:

Edizione N.294 Anno 14
SABATO , 21 ottobre 2017
Registrazione al Tribunale di Napoli Nr.98 del 26/10/2004
Direttore responsabile: Sergio Pacilio
Contatti:
Via San Francesco a Patria, 47 (1° Piano)
80014 - Giugliano in Campania (NA)
Tel./Fax. (clicca qui)
E-mail: redazione@internapoli.it
Facebook
Twitter
iOS App
Android App
Google Plus
Flipboard
YouTube