SABATO , 23 settembre 2017
Flash News 24
Flash
CRONACA
La scia di sangue tra la paranza dei Bimbi ed il gruppo dei capelloni, la rivelazione del pentito
di REDAZIONE

NAPOLI. «Ho saputo da Maurizio Overa prima e da Gennaro Buonerba poi, quando quest’ultimo era detenuto con me a Tolmezzo, che a uccidere Emanuele Sibillo è stato uno tra “Genni” Buonerba, Luigi e Antonio, che lo aspettavano a casa di Buonerba. Maurizio Overa li ospitò per un paio di giorni alla riviera di Chiaia, dove aveva una casa in fitto. Dopo tre giorni dall’omicidio invitai a pranzo in un ristorante di Fuorigrotta, Genni ,Luigi e Antonio per confortarli che ciò che avevano fatto andava fatto». Il 13 settembre 2016 l’allora neopentito Marco Mariano (che ha iniziato la sua collaborazione con la giustizia il 26 giugno precedente) racconta ai pm dell’Antimafia ciò che ha saputo sull’omicidio di Emanuele Sibillo, il giovane ras dei Decumani che lanciò la moda delle barbe lunghe tra i malavitosi napoletani e in breve tempo conquistò la fama di sicario infallibile.



13/09/2017
Inserisci un commento utilizzando l'account di InterNapoli.it
Nome Utente
Password
 
 
Più Letti

Dal 2000 è il primo quotidiano on-line dell'area nord di Napoli, fondato da Aniello Di Nardo
a cura di:

Edizione N.266 Anno 14
SABATO , 23 settembre 2017
Registrazione al Tribunale di Napoli Nr.98 del 26/10/2004
Direttore responsabile: Sergio Pacilio
Contatti:
Via San Francesco a Patria, 47 (1° Piano)
80014 - Giugliano in Campania (NA)
Tel./Fax. (clicca qui)
E-mail: redazione@internapoli.it
Facebook
Twitter
iOS App
Android App
Google Plus
Flipboard
YouTube